Michelangelo: La Parete Perfetta – Graphic novel

Autori: Giuseppe Cesaro e Giuseppe Guida
Disegni e tavole di Giuseppe Guida
Copertina di Claudio Villa

SINOSSI: Tommaso è uno street artist. Le scritte sui muri o sui vagoni della metro e le solite immagini gli vanno strette. Ha in mente ben altro. Come quei surfer che inseguono tutta la vita l’onda perfetta, lui cerca la parete perfetta. La trova nella volta di uno degli archi di Ponte Sisto. Uno spazio gigantesco da riempire con un grande affresco: epico, potente, visionario. Passa interi pomeriggi sotto la ‘sua’ volta, da solo, a parte un barbone che abita tra i cartoni. Impossibile dire quanti anni abbia, né da dove venga o come sia finito lì.
Tommaso disegna febbrilmente, riempiendo fogli e fogli di schizzi e calcoli. Un pomeriggio, lo sorprende la stanchezza. Il ragazzo non fa quasi in tempo a chiudere gli occhi che gli si avvicina un vecchio. Il viso ha un che di famigliare: barba bianca e folta, occhi incavati, sguardo intenso. Siede accanto al ragazzo e lo osserva disegnare. A un tratto comincia a parlare. “Ci ho rimesso la salute…”. Tommaso è infastidito: non ama le interruzioni. “quattro anni!”, Riprende il vecchio. “quattro anni a trenta metri di altezza, su dei tavolacci di legno, tutto il tempo a testa in su e quasi senza luce, circondato da una banda di incompetenti… Una follia…” Tommaso è sorpreso e incuriosito.
Qualcosa nelle parole e nell’italiano strano del vecchio, lo cattura. Chi è? E, soprattutto: come fa a sapere tutte quelle cose?

Quando Tommaso si sveglia è quasi l’alba. Solo in quel momento si rende conto di aver dormito e di aver sognato.

Ma sarà davvero così? Michelangelo ha lasciato sul greto del fiume qualcosa per lui.

GIUSEPPE CESARO: È nato in una casa equidistante da due mari: la “baia del silenzio” e la “baia delle favole”. Forse per questo ama così tanto le parole e fatica a restare attaccato alla realtà. Vive di parole. Le più belle le regala, quelle così-così le vende, le poche che restano le tiene per se. Ha pubblicato articoli, saggi, racconti, biografie, monologhi, romanzi e testi di canzoni. Ha ricevuto critiche esaltanti e vinto premi importanti, ognuno con un nome diverso. Mai con il suo. “Michelangelo. La parete perfetta” è la sua prima graphic-novel. E la quarta cosa che porta il suo nome, dopo “aghi di pino”, “stronzate” e se stesso.

Acquista su Amazon

Amazon.it

Acquista sul sito della casa editrice

RoundRobinEditrice.it

Acquista su Mondadori Store

MondadoriStore.it

Acquista sulla Feltrinelli

laFeltrinelli.it